7 Luglio 2015 - Digital

Strategie di marketing: comunicare ai giovani

strategie di marketing

I Millennials. Chi sono? Ma soprattutto cosa vogliono? No, non sono degli extraterresti e nemmeno delle figure fantastiche, sono solo i giovani tra i 18 e i 34 anni di tutto il mondo.

Il potere d'acquisto dei Millennials

Li vedi camminare e aggirarsi nel centro città tranquilli e innocui, ma nelle loro mani impugnano, oltre a smartphone e tablet di ultima generazione, anche più di 1.300 miliardi di dollari tradotti in potere d’acquisto.

Se il 2014 è stato un anno davvero interessante che ha visto crescere in modo esponenziale l’utilizzo dei canali social insieme ad alti livelli di modalità di interazione tra persone, il 2015 non è da meno. Il report sul Digital, Social & Mobile che ha preso in esame più di 240 paesi in tutto il mondo ha dimostrato quanto i numeri siano davvero cambiati e cresciuti nel campo del mobile e del social.

Millennials: le statistiche

Gli account attivi sulle maggiori piattaforme social oggi sono più di 2 miliardi con un tasso di penetrazione del 12% in più rispetto al 2014. Il 23% collega il proprio account attraverso i dispositivi mobili.

A livello globale i dati sono davvero molto interessanti: su una popolazione di 7.210 miliardi di persone basti pensare che il 3.010 miliardi è il numero degli utenti attivi su internet e di questi 1.685 miliardi sono gli account social collegati da mobile.

Gli italiani prediligono l’utilizzo di dispositivi diversi collegandosi sia da smartphone che da tablet e desktop; quello che cambia è la quantità di tempo spesa su internet con un incremento di pagine visitate da smartphone del 39% e 17% da tablet.

Anche in Italia i numeri sono alti: su 60 milioni di italiani, 22 milioni utilizzano il proprio account social collegandosi da dispositivi mobili.

Un quadro interessante per chi vuole definire strategie di mobile marketing.

Cosa cambia quando i destinatari sono i giovani d'oggi?

Sono una generazione che è nata su internet, hanno una visione diversa dei valori e delle fasi che compongono la vita e la maggior parte delle volte trovano la risoluzione ad ogni problema sul web, attraverso l’interazione e la condivisione con gli altri. Sui social network i giovani ricercano e trovano, senza troppe difficoltà, delle orecchie ben aperte che sappiano ascoltare, capire e risolvere qualsiasi tipo di problematica, presupposto questo per una costruzione di rapporti, seppur virtuali, per loro reali e più vicini.

Come elaborare strategie ad hoc per un target così variegato e difficile?

Un interessante articolo approfondisce questo argomento individuando le strategie migliori per comunicare ai giovani d’oggi.

Secondo Entrepreneur è fondamentale calarsi nei loro panni individuando modi di essere, pensieri e modi di fare, soprattutto.

L’importante è anche capire come vivono le varie fasi della loro vita e con quale atteggiamento si approcciano ai momenti più importanti della loro crescita, come la famiglia e gli amici.

In America i Millennials sono un segmento di popolazione molto ampio e per questo molto eterogeneo e complicato.

Sempre secondo Entrepreneur, quindi, bastano solo pochi e semplici accorgimenti.

Per posizionarsi con le strategie di mobile marketing migliori bisogna sempre partire da una buona base: prendendo in considerazione le pagine di destinazione bisogna verificare che queste siano ottimizzate per i dispositivi mobili per non rischiare di rallentare eccessivamente le connessioni.

Spazio alla creatività e all’intrattenimento: per attirarli niente funziona meglio di una creatività pensata per loro.

Concentrarsi su quello che desiderano e come vivono le fasi della loro crescita diventa fondamentale per creare engagment e avere successo, integrando a queste strategie di mobile gaming: intrattenendolo, il target si sentirà coinvolto e si divertirà!

Una strategia che sia stimolante è un passo ulteriore per raggiungerli: nessun messaggio semplice o ordinario, ma qualcosa che sia la risoluzione di un problema della vita reale attraverso la ricerca sul web.

Richiedono qualcosa che sia semplice e immediato, senza troppi giri di parole.

Alcuni brand hanno compreso e agito, utilizzando per alcune strategie i servizi di messaggistica istantanea.

In ultimo ma non meno importante la creazione e lo sviluppo di comunità online che riescano ad essere determinanti per una buona condivisione del prodotto con conseguente sensazione positiva verso un brand.

Condividi questo articolo

Altre notizie dal blog.

Accessibilità dei siti per la pubblica amministrazione

29 Giugno 2021 - Digital

Accessibilità dei siti web per la pubblica amministrazione: obblighi e requisiti

In Italia, l’accessibilità dei siti della Pubblica Amministrazione è un obbligo di legge dal 2004.

Leggi
google my business promuovere attività locali

15 Dicembre 2020 - Digital

Promuovere attività locali su Google: vantaggi e opportunità per le aziende

Che siano piccoli punti vendita o grandi centri commerciali, le attività locali possono usufruire di numerosi vantaggi e ricevere grande visibilità sui motori di ricerca grazie a strumenti pensati ad hoc, come Google My Business.

Leggi
farmaci a domicilio pharmap

21 Luglio 2020 - Digital

Farmaci a domicilio: come sono cambiate le abitudini degli italiani. Case study Pharmap

Il lockdown dei mesi scorsi ha cambiato le abitudini giornaliere degli italiani, con effetti sul comportamento digitale e sul customer journey.

Leggi
Google Maps

31 Ottobre 2018 - Digital

Com'è cambiato Google Maps: cosa fare e quanto costa

Crea un nuovo servizio gratuito, sviluppalo e promuovilo fino a farlo diventare indispensabile e, quando tutti crederanno di non poterne più fare a meno, rendilo a pagamento. Questa è la strategia vincente messa in atto da Google Maps.

Leggi