29 Giugno 2021 - Digital

Accessibilità dei siti web per la pubblica amministrazione: obblighi e requisiti

Accessibilità dei siti per la pubblica amministrazione

In Italia, l’accessibilità dei siti della Pubblica Amministrazione è un obbligo di legge dal 2004. Ebbene sì, è un requisito fondamentale stabilito da una specifica normativa da ben 17 anni! 

La famosa Legge Stanca, di cui abbiamo parlato all’interno dell’articolo sull’accessibilità dei siti web e degli e-commerce, definisce l’accessibilità come "la capacità dei sistemi informatici, ivi inclusi i siti web e le applicazioni mobili, nelle forme e nei limiti consentiti dalle conoscenze tecnologiche, di erogare servizi e fornire informazioni fruibili, senza discriminazioni, anche da parte di coloro che a causa di disabilità necessitano di tecnologie assistive o configurazioni particolari” (art. 2, comma a, Legge 4/2004). Tali disposizioni sono state aggiornate dal D.L. n.106 del 10 agosto 2018, che recepisce la Direttiva Europea n.2016/2102, e regolamentate dalle “Linee guida sull’accessibilità degli strumenti informatici” promosse dall’Agenzia per l’Italia Digitale (AgID).

Siti web di comuni e PA accessibili: cosa dice la norma

Il 9 Gennaio 2020 AgID ha pubblicato le nuove “Linee Guida sull’Accessibilità degli strumenti informatici”, con l’obiettivo di migliorare l’accessibilità di siti web e app mobile della Pubblica Amministrazione. 

I soggetti destinatari a cui si applica la normativa per l’accessibilità (art. 3-comma 1 Legge 4/2004) sono:

  • le pubbliche amministrazioni;
  • gli enti pubblici economici;
  • le aziende private concessionarie di servizi pubblici;
  • aziende municipalizzate regionali;
  • enti di assistenza e di riabilitazione pubblici;
  • aziende di trasporto e di telecomunicazione a prevalente partecipazione di capitale pubblico;
  • aziende appaltatrici di servizi informatici;
  • organismi di diritto pubblico;
  • tutti i soggetti che usufruiscono di contributi pubblici o agevolazioni per l'erogazione; dei propri servizi tramite sistemi informativi o internet.

Nel gruppo dei siti web della Pubblica Amministrazione, una grosso numero è costituito dai siti web dei Comuni, che assumono una particolare importanza nella comunicazione di informazioni e offerta di servizi a tutti i cittadini. 

Quali sono le novità più rilevanti che troviamo nelle linee guida?

Tutte le PA, compresi i Comuni, hanno nuovi obblighi e scadenze:

  • redigere e pubblicare gli Obiettivi di Accessibilità per l’anno in corso (entro il 31 marzo di ogni anno);
  • il Responsabile della Transizione al Digitale dovrà compilare e pubblicare la Dichiarazione di Accessibilità (entro il 23 settembre di ogni anno). 

Entrambe le procedure hanno un’applicazione dedicata che facilita e guida le PA in questo compito.

Dichiarazione di Accessibilità AgID: come ottenerla

La Dichiarazione di Accessibilità AgID, che può essere compilata e pubblicata solo utilizzando l’applicazione online messa a disposizione dall’agenzia stessa, prevede delle attività propedeutiche:

  • la nomina del Responsabile della Transizione al Digitale (RTD);
  • l’identificazione dell’Amministrazione dichiarante;
  • la verifica di accessibilità dei siti per valutare lo stato si conformità ai requisiti tecnici di accessibilità (Conforme, Parzialmente conforme, Non conforme);
  • la predisposizione di un “Meccanismo di Feedback” (può essere una mail oppure un form) per consentire ai cittadini di segnalare eventuali casi di inaccessibilità riscontrati nel sito web o nell’app mobile di cui l’amministrazione è responsabile.

Dopo aver compilato ed inviato la Dichiarazione di Accessibilità, il Responsabile per la Transizione al Digitale riceverà alla sua email il link alla dichiarazione pubblica che dovrà essere inserito nel footer del sito web della PA o nell’apposita sezione dello store nel caso di app mobile.

Accessibilità siti della pubblica amministrazione: requisiti tecnici obbligatori

Per quanto riguarda i requisiti tecnici di accessibilità dei siti delle PA presenti nelle linee guida, si fa riferimento al W3C (World Wide Web Consortium) ed in particolare alle WCAG 2.1, ovvero: Web Content Accessibility Guidelines. Queste linee guida definiscono specifiche tecniche per rendere i contenuti Web più accessibili alle persone con disabilità, con l'obiettivo di fornire uno standard condiviso che soddisfi le esigenze di individui, organizzazioni e governi a livello internazionale. Le “Linee guida sull’accessibilità degli strumenti informatici” stabiliscono come requisito minimo da soddisfare, per poter stabilire l’accessibilità di siti web ed app mobile, la conformità con il livello AA delle WCAG 2.1. 

Inoltre, le Linee guida stabiliscono che AgID avrà tra i suoi compiti quello di effettuare delle verifiche a campione e di segnalare i casi di non conformità al Difensore Civico per il Digitale che si attiverà a comunicare all’amministrazione in questione l’attuazione di misure correttive.

Oltre alle linee guida per l’accessibilità, AgID promuove delle linee guida di design per i siti web della Pubblica Amministrazione con lo scopo di rendere l’esperienza d’uso dei cittadini uniforme, semplice ed efficace nel soddisfare i loro bisogni (ricerca di informazioni, utilizzo di un servizio, ecc…). 

Siti web pubblica amministrazione: perché scegliere IM*MEDIA

L’obiettivo principale di progettazione e sviluppo di un sito per la PA, e in particolare per i siti dei Comuni, è quello di mantenere la conformità a linee guida e normative come indice di qualità del prodotto, tenendo al centro l’utente finale e i suoi bisogni, senza tralasciare l’aspetto grafico e la semplicità nella gestione dei contenuti da parte dell’Amministrazione. 

A tal proposito, i valori aggiunti della nostra digital agency sono professionalità e competenze specifiche nei vari ambiti coinvolti nello sviluppo del progetto:

  • scegliamo una progettazione grafica che rispetti i requisiti ma tenga conto dell’identità del Comune, dell’Ente o di una specifica Amministrazione.
  • Partiamo da un’architettura dell’informazione standard per facilitare il cittadino nella navigazione dei contenuti, ma teniamo conto di particolari esigenze informative e comunicative nel design della homepage.
  • Proponiamo un CMS (Content Management System) open source e semplice da utilizzare per la gestione dei contenuti.
  • Supportiamo la PA nell’adempimento degli obblighi normativi (test, dichiarazione e obiettivi di accessibilità) fornendo tutte le informazioni utili a tal proposito.
  • Forniamo guide informative e manuale d’uso per la gestione e pubblicazione dei contenuti nel rispetto dei requisiti di accessibilità.
  • Riteniamo che la formazione sia fondamentale per poter procedere alla gestione completa del sito in totale autonomia.

L’accessibilità è una delle caratteristiche di qualità di un prodotto, qualità che garantiamo insieme ad una progettazione grafica che fa la differenza come nell’ultimo nostro progetto rilasciato per il Comune di Santo Stefano di Camastra. Buona navigazione! 

Condividi questo articolo

Altre notizie dal blog.

google my business promuovere attività locali

15 Dicembre 2020 - Digital

Promuovere attività locali su Google: vantaggi e opportunità per le aziende

Che siano piccoli punti vendita o grandi centri commerciali, le attività locali possono usufruire di numerosi vantaggi e ricevere grande visibilità sui motori di ricerca grazie a strumenti pensati ad hoc, come Google My Business.

Leggi
farmaci a domicilio pharmap

21 Luglio 2020 - Digital

Farmaci a domicilio: come sono cambiate le abitudini degli italiani. Case study Pharmap

Il lockdown dei mesi scorsi ha cambiato le abitudini giornaliere degli italiani, con effetti sul comportamento digitale e sul customer journey.

Leggi
Google Maps

31 Ottobre 2018 - Digital

Com'è cambiato Google Maps: cosa fare e quanto costa

Crea un nuovo servizio gratuito, sviluppalo e promuovilo fino a farlo diventare indispensabile e, quando tutti crederanno di non poterne più fare a meno, rendilo a pagamento. Questa è la strategia vincente messa in atto da Google Maps.

Leggi
Voucher

3 Giugno 2018 - Digital

Voucher ministeriali per la digitalizzazione delle PMI: ecco di cosa si tratta e come possono essere sfruttati

Il 24 ottobre 2017 è stata resa nota una comunicazione ufficiale del Ministero dello Sviluppo Economico che dà notizia della pubblicazione del bando per l’accesso alle agevolazioni erogate in favore della digitalizzazione dei processi aziendali previste dal decreto c.d. “Destinazione Italia” (DL 145-2013).

Leggi