3 Febbraio 2015 - Seo

SEO e virale: è nato prima l'uovo o la gallina?

seo e virale

Chiaccherando con l’amico Matteo Bianconi ci siamo trovati a discutere di questo articolo di Mark Schaefer dove l’autore si pone alcune domande su SEO e contenuti virali.

What makes a content go viral

What drives hero content? – Mark Schaefer

L’autore ha fatto delle osservazioni in base alla sua esperienza fatta con i tre post di maggiore successo del suo blog. Siamo così andati a cercare nella letteratura degli Antichi Greci, abbiamo chiesto a Pensiero Profondo (attendiamo ancora risposta)abbiamo interpellato perfino l’Oracolo del Sud, ma non siamo riusciti a trovare la risposta alla fatidica domanda: È nato prima l’uovo o la gallina?

Ovvero:

È la SEO che fa diventare un contenuto virale oppure è il contenuto virale che aiuta la SEO? 

L’autore dell’articolo si chiede quale sia la relazione tra SEO e Content. Mark ci racconta che i suoi tre maggiori post di successo sono quelli per i quali non ha minimamente pensato ad una particolare ottimizzazione. Peggio, ci dice che sono probabilmente i post meno ottimizzati che abbia scritto.

Ma cosa è che rende questi post speciali?

Qualche indizio ce lo fornisce l’autore stesso:

  • “Ho creato dei contenuti che sapevo la gente avrebbe apprezzato”;
  • “Ho impiegato moltissimo tempo nella produzione di questi contenuti”;
  • “I contenuti erano molto lunghi”;

I contenuti erano utili e interessanti.

Mark ammette di essersi ricreduto sul fatto che contenuti lunghi fossero noiosi per gli utenti: “Questi tre post non erano solamente i più popolari, erano anche i post più lunghi scritti durante l’anno”.

L’articolo per chi lavora nel campo SEO è una sorta di “scoperta dell’acqua calda”.

Ha ragione quando dice che i migliori pezzi sono quelli che ha scritto non pensando affatto alla SEO.  Ma è ovvio, si è focalizzato meglio sulla qualità degli stessi.
Questo perchè:

La SEO aiuta l'indicizzazione, il contenuto ti posiziona

Mark asserisce che:

  • Un contenuto virale non ha necessità di SEO;
  • Il classico e sempreverde storytelling ha necessità di SEO;
  • Per contenuti ordinari la SEO è di primaria importanza;
HHH and SEO diagram

HHH and SEO diagram Mark Schaefer

Ciò che a mio avviso Mark non ha subito colto è la concorrenza. 

Per sua natura Un ottimo contenuto ha  bassa concorrenza. Quanti dei tuoi concorrenti spendono settimane a produrre un articolo, un video o un’infografica? Pochi probabilmente.
È più facile quindi che emerga sul Web, sia esso nelle SERP di Google o su altri canali. Un ottimo contenuto comincia in maniera del tutto naturale a innescare classici meccanismi di passaparola su tutti i canali. È così che diventa virale.

Un ottimo contenuto viene linkato da Blogger sparsi per il Web aumentando le visite e l’autorevolezza agli occhi di Google (conseguentemente stiamo facendo SEO).

Ricordi il motto di Google “Content is King”? Detto questi capisci come il Content Marketing è di primaria importanza al giorno d’oggi e che, se scrivi bene pensando al tuo pubblico, stai facendo SEO.

La SEO non è altro che un megafono che serve a dare maggiore voce ai contenuti. Per piccole nicchie con bassa concorrenza e in presenza di una buona produzione di contenuti la SEO è probabilmente meno importante (anche se vi ho già parlato di come senza accorgercene potremmo commettere grossi errori SEO).

La SEO è anche misurazione. Per capire in maniera precisa e puntuale i trend degli utenti e dei concorrenti, porre obiettivi di business importanti, orientare gli investimenti, occorre sempre una strategia seria e professionale altrimenti gli sforzi per produrre contenuti di rilievo rischiano di essere vani.

Quando il gioco si fa duro, quando i nostri competitor si trovano in varie parti del mondo, quando il mercato è molto competitivo, allora è lì che la sinergia tra contenuto e corretta indicizzazione dà i massimi risultati.

Images Credits: Mark Schaefer @ www.business2community.com

Condividi questo articolo

Altre notizie dal blog.

Core Web Vitals

23 Giugno 2021 - Seo

Cosa sono i Core Web Vitals: uno sguardo ai nuovi fattori di ranking

L’estate 2021 per il mondo della SEO è la stagione del Page Experience update. Con un tweet del 15 giugno è stato ufficializzato il suo rilascio, che verrà completato ad agosto.

Leggi
Migrazione sito web seo

1 Ottobre 2020 - Seo

Migrazione SEO di un sito web: come non perdere traffico e posizioni

Quando si decide di fare il restyling di un sito web, spesso si cade nell’errore di concentrare tutte le energie (e il budget) solo nell’ideazione di una nuova veste grafica. Magari vengono implementate nuove funzionalità, create nuove sezioni. Ma cosa succede al vecchio sito, ai contenuti e alle pagine già esistenti?

Leggi
seo e sem

12 Novembre 2019 - Seo

SEO e SEM: differenze e vantaggi di una strategia integrata

Quante volte vi siete chiesti quale sia la strategia migliore per la vostra azienda o per i vostri clienti? Quante volte avete sentito parlare di SEO, SEM, SEA, PPC? Capita spesso che qualcuno ci chieda quale soluzione sia meglio utilizzare, sia più performante e aiuti a raggiungere gli obiettivi di business dell’azienda.

Leggi
mobile first

8 Giugno 2017 - Seo

Oltre il "Mobile First"

Per troppo tempo si è sentito parlare di sito desktop, sito mobile e sito tablet. Solitamente queste etichette definiscono tre diverse “versioni” del sito web che vengono servite in funzione del dispositivo utilizzato dall’utente. La realtà è ben diversa: il sito è uno e uno solo.

Leggi