16 Ottobre 2016 - Digital

Ottobre 2017: HTTP addio

http addio

A partire da ottobre 2017  i siti in HTTP saranno segnalati da Google Chrome come siti “non sicuri”.

Come annunciato in un post del blog ufficiale di Chrome, a partire dal mese di ottobre 2017 tutte le volte che visitiamo una pagina di un sito web che presenta al suo interno un modulo di inserimento dati, se questo sito non è provvisto di certificato di sicurezza saremo avvisati che stiamo visitando un sito non sicuro.

HTTP addio

Già dallo scorso gennaio la versione 56 di Chrome ha cominciato a segnalare i siti che trasmettono password o informazioni su carte di credito, questa come parte di un piano a lungo termine per contrassegnare tutti i siti HTTP come non sicuri.

Emily Schechter, responsabile di Chrome Security, ha dichiarato che l’intenzione dell’azienda è quella di etichettare tutte le pagine HTTP come non sicure e modificare l’indicatore di protezione HTTP nel triangolo rosso che viene utilizzato per le quelle connessioni HTTPS verso server non correttamente configurati.

HTTP come non sicuri

Si rende pertanto necessaria la migrazione del proprio sito verso il protocollo HTTPS.

Cosa è HTTPS

Citando Wikipedia,

L’HyperText Transfer Protocol over Secure Socket Layer (HTTPS) consiste nella comunicazione tramite il protocollo HTTP (HyperText Transfer Protocol) all’interno di una connessione criptata dal Transport Layer Security (TLS) o dal suo predecessore, Secure Sockets Layer (SSL). Il principio che sta alla base di HTTPS è quello di avere:

  • un’autenticazione del sito web visitato
  • protezione della privacy
  • integrità dei dati scambiati tra le parti comunicanti.

La comunicazione criptata protegge la riservatezza dei dati forniti dagli utenti al sito, evita le intercettazioni, mette al sicuro l’integrità delle informazioni durante il trasferimento e protegge l’autenticazione. Dà quindi al visitatore un senso di fiducia nei confronti del sito (e quindi del Brand) che sta visitando.

Se è vero che la maggior parte degli utenti ci pensa due volte prima di inviare informazioni personali come nominativo, data di nascita, telefono o dati della carta di credito a siti non protetti, questa esitazione, o diffidenza, aumenterà esponenzialmente, poiché il messaggio “Non sicuro” sarà prominente, portando a ritmi potenzialmente più elevati il rimbalzo, CTR inferiori fino ad arrivare a utenti che eviteranno determinati siti web HTTP scegliendo quelli dei competitor in HTTPS.

 

Per maggiori informazioni:

 

Condividi questo articolo

Altre notizie dal blog.

Accessibilità dei siti per la pubblica amministrazione

29 Giugno 2021 - Digital

Accessibilità dei siti web per la pubblica amministrazione: obblighi e requisiti

In Italia, l’accessibilità dei siti della Pubblica Amministrazione è un obbligo di legge dal 2004.

Leggi
google my business promuovere attività locali

15 Dicembre 2020 - Digital

Promuovere attività locali su Google: vantaggi e opportunità per le aziende

Che siano piccoli punti vendita o grandi centri commerciali, le attività locali possono usufruire di numerosi vantaggi e ricevere grande visibilità sui motori di ricerca grazie a strumenti pensati ad hoc, come Google My Business.

Leggi
farmaci a domicilio pharmap

21 Luglio 2020 - Digital

Farmaci a domicilio: come sono cambiate le abitudini degli italiani. Case study Pharmap

Il lockdown dei mesi scorsi ha cambiato le abitudini giornaliere degli italiani, con effetti sul comportamento digitale e sul customer journey.

Leggi
Google Maps

31 Ottobre 2018 - Digital

Com'è cambiato Google Maps: cosa fare e quanto costa

Crea un nuovo servizio gratuito, sviluppalo e promuovilo fino a farlo diventare indispensabile e, quando tutti crederanno di non poterne più fare a meno, rendilo a pagamento. Questa è la strategia vincente messa in atto da Google Maps.

Leggi