Press

ADVexpress

IM*MEDIA porta Camilleri su iPad con l'app 'La Regina di Pomerania'

4 Maggio 2012

IM*MEDIA porta Camilleri su iPad con l'app 'La Regina di Pomerania'

Da oggi, 4 maggio, è disponibile su App Store la prima app di Andrea Camilleri, realizzata per la casa editrice Sellerio. Al centro dell’app gli otto racconti tratti dal nuovo libro, riprodotti con un’interfaccia grafica che gioca sui richiami tra la lettura tradizionale su carta e le caratteristiche di navigazione dei dispositivi digitali.

Da oggi, 4 maggio,è disponibile su App Store 'La Regina di Pomerania', la prima app di Andrea Camilleri, realizzata da Im*Media per la casa editrice Sellerio. Si tratta della prima vera Book App italiana, ed è Camilleri stesso nel video introduttivo a raccontare ai suoi lettori 'come è caduto nell’iPad', dopo essere stato "contemporaneo dell’atomica, della democrazia in Italia, dell’avvento della tv e delle minigonne".

Al centro dell’app gli otto racconti tratti dal nuovo libro 'La Regina di Pomerania e altre storie di Vigàta', riprodotti con un’interfaccia grafica che gioca sui richiami tra la lettura tradizionale su carta e le caratteristiche di navigazione dei dispositivi digitali. Le pagine dell’App riproducono infatti la filigrana della carta dei libri Sellerio e permettono ai lettori di ingrandire o diminuire il corpo dei caratteri, sfogliare le pagine come se si stesse sfogliando un libro vero, utilizzare i segnalibri, consultare il glossario vigatese-italiano e condividere su Facebook l’esperienza di lettura. Inoltre, è possibile ascoltare i racconti narrati dall’inconfondibile voce di Camilleri, nell’inedita veste di 'cantastorie digitale' (come si definisce lui stesso in un’intervista rilasciata al Venerdì di Repubblica, in occasione del lancio dell’App), che guida il lettore tra le vicende della sua Vigàta.

Ogni racconto è introdotto da un video in cui l’autore, a tu per tu con i lettori, racconta la genesi delle storie e dei personaggi. "Io leggo, ed è come se fossi a fianco a chi ascolta. Sembra di narrare la storia direttamente a ogni lettore - ha dichiarato Camilleri -. L'app mi ha fatto entrare nella scrittura con un’attenzione che non avevo mai avuto prima. Con l’app, anche Dante avrebbe rimesso mano alla Divina Commedia".

Vai all'articolo